Consapevolezze

 

Ci sono pensieri che ti attraversano la mente con improvvisi lampi di consapevolezza. Per un istante, uno solo, sei in comunione con il mondo, SAI esattamente dove ti trovi e cosa potrebbe accadere; anzi, quasi sicuramente accadrà.

 

Oggi è uno di QUEI momenti.
Perché quando…
 

       la sveglia non arriva con il solito fischio, ma ti fa aprire gli occhi in modo decisamente più… umano,
       portando il cane al passeggio non sei costretta a fare la solita gimkana per evitare passanti imprudenti e altri cani,
       riesci miracolosamente a imbroccare, fin dalla prima prova, una mise adeguata all’umore del mattino,
       la pioggia, che ha imperversato tutta la notte fino al mattino, prende una pausa mentre stai uscendo col motorino, anche se hai dimenticato di indossare i pantaloni antipioggia,
       sei pericolosamente in ritardo, ma su 35 (ah, no, 33, due hai scoperto come evitarli) semafori, becchi due misericordiose “onde verdi” da 5 e una da 3 (come a dire, hai fatto 13)
       riesci a beccare ugualmente un posteggio davanti l’ufficio, malgrado la piazza accanto sia piena di transenne e il tuo solito posteggio sia dimezzato da impalcature di cantiere;
       trovi qualcuno che è ancora più in ritardo di te, e non sei quindi responsabile del mancato completamento del lavoro;
       e in tutto questo, è il 17…

 
allora SAI che hai esaurito la dose di c… ervello per la giornata, o forse per i prossimi anni.
 
Se fossi furba tornerei a letto, ma forse azzarderò un caffè.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula, pizzini. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Consapevolezze

  1. PlacidaSignora ha detto:

    Io quasi quasi ci torno, visto la giornatina…

  2. shemale ha detto:

    Oggi, invece, era decisamente la mia “giornata-no”. Non sapevo che mettermi, tutti i semafori rossi e ho addirittura parcheggiato in terza fila. Ero talmente in ritardo, poi, che il capo mi ha ghiacciato con una sola occhiata. Questi sono i giorni in cui faresti meglio a non alzarti proprio dal letto. Non me lo posso permettere, però. In compenso, in giorni come questi, per evitare altri guai, appena arrivo in ufficio mi rimetto subito a dormire.

  3. metallicafisica ha detto:

    Quel caffè poi ti ha innervosito un poco, eh sorellona? Ma forse solo perché poco zuccherato..
    Un abbraccione***

  4. PlacidaSignora ha detto:

    Qui oggi cielo blu e naso che rischia di staccarsi per via di tramontana gelida. Ma almeno non è più il 17 😉

  5. Viscontessa ha detto:

    E allora eccomi qua 🙂
    Era l’ora riccio ed è una piacevolissima sorpesa.
    Ben arrivata cara.

  6. riccionascosto ha detto:

    Bentrovati tutti…

    Placida, io credo che tu non ce la faccia proprio, a stare a letto, con tutto il galòp che incalza 😉

    Shemale, dormire in ufficio è una cosa che farei volentieri, credo mi attrezzerò (i suoi contrari sono un onore che non merito, comunque)

    Sorellona, il caffé è sempre zuccherato (diceva mia nonna che è già amara la vita)

    Vis, che “era l’ora” lo dite un po’ in troppi, temo vi aspettiate di più di quanto non sia in grado di fare, ma ostinarmi ancora era forse eccessivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...