Post sotto l'albero 2005

E’ arrivato!

Dopo un mese circa di sollecitazioni – via mail e, sospetto, qualche velata macumba (commenti minatori, minacce fisiche, scenate di vittimismo e appelli accorati li ha già confessati il Sir) – è uscito, finalmente, il Post sotto l’albero 2005*, la raccolta di "post/regali" di Natale che ormai è giunta alla sua terza edizione.
Ho iniziato  a sfogliarlo, e vi anticipo subito che contiene alcune chicche da non perdere assolutamente.
Il mio "regalino", invece, potete saltarlo a piè pari; la mancanza di idee e di tempo non è riuscita a farmi partorire altro che… silenzio. Una variazione sul tema delle sfumature che avete, bene o male, già letto, e che di natalizio ha solo il desiderio di regalare agli altri quel poco che si possiede.
Consigli per la lettura non ve ne do, per due motivi: uno è che sono subito corsa a leggere i miei preferiti, ma sono sicura ci saranno altre belle sorprese; l’altro perché i regali di Natale si scartano pian piano – e attenti a non rompere la carta – per gustarli di più.

*cliccare con il tasto destro per scaricare il file (mi raccomando)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in pizzini. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Post sotto l'albero 2005

  1. anonimo ha detto:

    Sempre così.

    Nella vita c’è chi trova solo chicche e chi invece incontra solo checce o pesta cacche.

    Va beh, andrò a fumarmi una cicca per ripicca.

    E stasera, per adeguarmi al clima natalizio vado a seminare lustrini in giro come nei finali dei film della Disney.

    Oh, se qualcuna volesse “sbottonare” il mio regalo..ops volevo dire scartare il mio regalo dai pure tranquillamente il riferimento telefonico

    Ciao. O’ scimunito. ( non munito di sci, ma proprio fuori di testa ) :-))

  2. riccionascosto ha detto:

    Cap, però il riferimento telefonico, io non ce l’ho… le faccio scrivere fermo posta?

  3. Squonk ha detto:

    Non conta “scrivere apposta”. Conta “scrivere per”, almeno in questo caso. Si chiedeva un regalo, e un regalo è arrivato. Grazie, quindi, e via quella cenere dal capo.

  4. Effe ha detto:

    ma perché lo dipingete tutti come uno della gestapo, quel briccone sardo-memeghino, che l’è tanto buonino?

  5. riccionascosto ha detto:

    Sir, che peccato… la cenere mi dona (e le ometto le faccine, perché le voglio bene).

    Herr Effe, io non ho fatto che trascrivere la sua confessione introduttiva – e lei gli ha detto di peggio, ne sono certa.

    Flo’, ciao. Sono felice di vederti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...