Aprite le finestre…

al nuovo sole…

Ah, no, quella è primavera, questo è solamente l’anno nuovo.

Che, tutto sommato, non è iniziato poi male; abbracci di amici e parenti, un sole gentile a iniziare la giornata di capodanno – 18 gradi a mezzogiorno, non so se mi spiego – e una pioggia non troppo inclemente, ieri, ad accompagnare il viaggio di ritorno.

Devo ancora finire di disfare i bagagli che, come al solito, al ritorno sono più numerosi che all’andata, anche per le nostalgiche "scorte alimentari": stavolta mandarini, "brasiliane" (come le chiameranno mai, queste introvabili arance, in Continente?) e un po’ di anelletti per la pasta al forno – se mai dovesse "scapparmi" la voglia di cucinarla.

Ah, e l’immancabile cassata (una monacale, per l’esattezza; finta modesta, priva di orpelli e canditi ma ancor più ricca di crema di ricotta) per i colleghi del consorte; i miei sono ancora in vacanza, beati loro.

Il bagaglio più difficile da disfare, invece, è il rotol(in)o di grasso che si è aggiunto grazie alla cucina paterna. Occhio e croce, un paio di chili di zavorra, tanto piacevoli da caricare quanto difficili da smaltire. Evvabbè… trenta e ddui, vintottu. Che, detto fra noi, è intraducibile… una via di mezzo tra "chista ‘mmenzu all’avutri" e "cosa fatta, capo ha" con un tocco di CVD (come volevasi dimostrare), che non sta mai male. (Se qualcuno dei siculi di passaggio avesse altri significati, sono benvenuti).

E oggi? Be’, oggi si torna al lavoro… in tutti i sensi.

Aggiornamento: Ho ritrovato, tra i miei libri, un delizioso libriccino di  Renata Pucci da Benisichi, edito da Sellerio, che si intitola appunto "Trenta e due, ventotto" e che raccoglie una serie di rubriche pubblicate a suo tempo sul Giornale di Sicilia, nelle quali descrive alcuni dei modi di dire siciliani, italianizzati a volte e usati dalle persone "colte" come espressioni italiane. Per "trenta e due, ventotto", scrive: Help! Non riesco a trovare nessuna spiegazione raziocinante per "trenta e due, ventotto". Non soltanto è usatissimo col senso di : "aggiungiamo anche questo!", c’è una sfumatura di sforzo, economico o fisico, o morale: "e va bene, comprerò anche il gilet! Trenta e due, ventotto!", "Inviterò anche la zia, poveretta! Trenta e due, ventotto!". Capirei se ci fosse dell’ironia per indicare qualcosa di errato, come la cervellotica somma di trenta e due, ventotto. Ma no! Lo si dice per annunziare di aver decifrato una situazione, per aver afferrato un messaggio chiaro, lapalissiano. Serve proprio a indicare la certezza: "Ti ha telefonato per dirti che si sente influenzato? Eh, più chiaro di cosi, trenta e due, ventotto… significa che domani non verrà!" 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula, ficurinnia. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Aprite le finestre…

  1. shemale ha detto:

    Anch’io sto disfacendo il rotolino di grasso che mi si è aggiunto addosso negli ultimo tempi (non solo a Natale, in verità). E, se mi applico, posso anche chiudere il lavoro per l’inizio di ottobre. A dirla tutta, l’ultima volta che sono andato dal dietologo, ho provato a dirgli : “Trenta e ddui, vintotto, duttò…”.
    Ma da come mi ha guardato ho desunto che non parla il siciliano…

  2. riccionascosto ha detto:

    Secondo me, shemale, non lo parla affatto.
    Fosse stato il mio, avrebbe sorriso e ti avrebbe risposto che trenta e ddui,vintottu poteva andare bene solo fino a capodanno, ma poi… a regime. Sennò finivi muru cu ‘mmuru ‘cu ‘spitali, ed erano guai 😉

  3. cf05103025 ha detto:

    Modestamente non tengo rotolini, forse la pancetta però,
    così dice issa,
    a volte,
    ahi,
    dicesi un filo di pancetta,
    o mortadella,
    nun se sape,
    come diceva Eratostene:
    E’ meglio la mortadella oggi
    che n’osso domani,
    sì, gli antichi insegnano.
    MarioB.

  4. riccionascosto ha detto:

    Ecco, gli antichi insegnano, MarioB, o almeno dovrebbero.
    Ad esempio, una come me in tempi passati l’avrebbero definita giunonica, considerando le forme come segno di abbondanza e di grazia degli dei.
    E oggi? Oggi sono una paria, al confine tra le taglie più (ma chi l’ha inventato questo termine?) e quelle normali, costretta a saltellare tra numeri e lettere.
    Uff… che fatica.

  5. cf05103025 ha detto:

    Le taglie normali per fimmine iniziano da 46 in su, per come la vedo io.
    La fimmina abbondante dona con le sue curve fastosità e gioia.
    Vedansi le Veneri antiche e non tanto, Rembrandt, Rubens, Ingres e via dicendo.

    MarioB.

  6. Flounder ha detto:

    io per alcuni anni sono stata di una magrezza impressionante.
    sono arrivata a pesare 43 chili.
    quando cercavo dei vestiti mi dicevano che la mia taglia non era prevista, era una misura “sotto-donna”.
    così.
    sotto-donna.
    non è mica bello.
    adesso volteggio tra una 38 e una 40.
    e vado a comprare le gonne da 0-12 benetton.
    sono passata da sotto-donna a super-bambina.

  7. metallicafisica ha detto:

    Non voglio parlare di pancetta o rotolini! Ma non scrivere di tali bontà proprio ora che è tempo di rimettersi a regime:)

  8. Gemisto ha detto:

    Gli antichi insegnano: “Omo de panza, omo de sostanza!”.
    Meditate gente, meditate…

  9. BBSlow ha detto:

    E un uomo senza pancia è come un cielo senza stelle.

    Riccio, mi duole dirtelo, ma…
    SEI STATA SCELTA.

    Passa dal mio blog… Dai, su, fallo per una cortesia… 🙂

  10. Flounder ha detto:

    ohi, lorsignori.
    vorrei precisare che non sono secca secca.
    sono minuscola, che è un concetto diverso.
    una specie di formato zip, per intenderci 🙂

  11. riccionascosto ha detto:

    Flo’, non preoccuparti, si capiva da prima.

    Slow, ero già passata; ti seguo (trenta e ddui, vintottu dato che siamo in tema) nei prossimi giorni, ma solo a metà (nel senso che non passerò la palla ad altri.

    Mf, di che parli… di arance?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...