… ma non è una cosa seria

Non so se il trispito – che, per sua natura, si regge malfermo – riuscirà a uscire indenne dall’onda di visite che lo ha sommerso in questi giorni. Molti arrivano attirati da ingannevoli legami che l’Herr ha voluto porre tra il suo Abraham e la mia ombra,  e forse dovrei preparare un tavolino e un adeguato rinfresco, per accoglierli con qualcosa di meglio che le mie parole.

Al momento, tuttavia, le energie sono state impiegate per preparare qualcosa di gustoso – via, speriamo almeno di commestibile – per la serata di finanziamento di stasera, al 360°, dove si potrà ascoltare buona musica e consumare parole e cibo in vista della Giornata delle Scritture di Strada di Domenica 7 maggio, oggi addirittura segnalata su Repubblica (sì, Fdd, è un esercizio di link, ogni tanto ne faccio qualcuno).

Domenica parole di pietra (quelle pensate da Raquel), parole di bosco , parole di vetro e di cartone si rincorreranno l’un l’altra cercando di spiccare il volo, o di agganciarsi alla Terra per renderci più agevole il cammino.

Ma riusciremo a seguirle, e farci liberare da loro, solo se ci ricorderemo di giocare (con le parole e con noi stessi). 

 

SdS - Roma (grazie a Blulu per lo schema e le immagini)

 

Ecco, quelle saranno parole che varrà la pena leggere (e scrivere, anche).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula, trispito. Contrassegna il permalink.

6 risposte a … ma non è una cosa seria

  1. fuoridaidenti ha detto:

    beh, ti riesce perfettamente! 😉

  2. e.l.e.n.a. ha detto:

    riccio, pure io, 7/7 sì… vorrà dire che faremo un fischio per parte a broono!
    buona giornata di strada… chissà non si possa fare un collegamento tipo quello radiofonico di “tutto il calcio minuto per minuto” per collegare le varie strade e conoscere i “risultati”… da piazza robilant a torino – cielo terso, aria pulita – passiamo la linea a villa celimontana in roma… sole e temperatura primaverile…

  3. lontanoda ha detto:

    E’ una splendidda iniziativa, che permette alle parole di fuggire dalle stanze dove spesso le chiudiamo!!! Sarà un coro così forte, da sembrare un boato! un saluto Claudia

  4. broono ha detto:

    mi fischiavano le orecchie.

  5. riccionascosto ha detto:

    Fdd: ho imparato dai migliori 😉

    E.l.e.n.a.: Ieri il sole c’è stato (e anche troppo); i collegamenti, pure. Non minuto per minuto, ma con ottimi risultati dappertutto, a quanto sembra.

    lontanoda: Purtroppo non avevamo il permesso per “l’impatto acustico” e anche i ragazzi di Argillateatri – a corto di energia elettrica per l’amplificazione – sono stati costretti al silenzio, ma non all’immobilità. Più che un boato, direi quindi una bella scossa.

    Broono: un fischio anticipato? Mancano quasi due mesi… allora sì, che sentirai.

  6. e.l.e.n.a. ha detto:

    sole che ha rischiarato e riscaldato la giornata da nord a sud…
    oggi sarebbe stato impossibile … pioggia vento e freddo si sono rovesciati su torino…

    bellissima giornata davvero… c’è stato di che essere felici 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...