Sul filo

C’è un filo che saltella tra gli ultimi post di CalMa, di Manginobrioches e altri, che ho letto qua e là, e non è – o forse lo è in parte, chissà – un filo azzurro.

Più un filo rosso, direi.

E’ il filo dei ricordi, che rendono vivi e reali eventi del passato, tanto da poter sentire odori e suoni di allora, oppure da essere evocati al semplice udire una canzone, o dalla scia di un profumo mentre passi per strada.

Ci sono ricordi che non ricordi nemmeno, e credi sia tuo un pensiero o un gesto – che invece hai letto o visto altrove, tempo fa. E non te ne accorgi fino a che non li vedi riflessi nello specchio, o nelle parole altrui.

Ci sono ricordi discreti, che si annidano nel fondo della memoria e ti regalano il sapore agrodolce del deja-vu, che ti blocca per un istante, incerto sul da farsi.

Ci sono ricordi indisponenti, che tenti di seppellire con forza ma tornano a germogliare come gramigna, infestandoti i sogni se non altro.

Ci sono ricordi sfumati, che lasciano appena una traccia delle sensazioni intense già vissute e le rendono tollerabili, come un ritocco che attenua le rughe e cancella i punti neri da una fotografia.

Ci sono invece ricordi taglienti, che ti arrivano all’improvviso come uno schiaffo, o una stretta sul cuore, e neanche il tempo ne smussa la lama.

Ci sono ricordi pazienti, che aspettano di essere portati alla luce come tessere di un puzzle: un gesto, uno sguardo, un’atmosfera che a poco a poco si ricompongono in un unico punto del tempo passato.

Ci sono ricordi invadenti, che scorrono nella mente chiari e netti come le immagine di un film.

Ci sono ricordi preziosi, che spazzoli con cura perché la polvere non ne oscuri lo splendore, e ricordi scadenti, che lasci sfilacciare senza troppi rimorsi.

 Nebbia - immagine da www.cornochiaro.it

E poi…

C’è quel maledetto codice del bancomat, che non ricordi mai.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula, sperciate. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Sul filo

  1. fuoridaidenti ha detto:

    ‘azz, che onore! due citazioni in una botta sola e la brioscina in mezzo mo’ di sandwich. Tks

  2. shemale ha detto:

    33487, riccio.
    Ora segnatelo da qualche parte, però.

    P.S.) Due citazioni in una botta sola per Fuori sono decisamente troppe. Concordo.

  3. riccionascosto ha detto:

    Fuori, la prossima volta allora neanche mezza, così compensiamo.
    E che ci posso fare, se quei post in un certo senso erano associati, a partire dal titolo? Certi fili non si scelgono, ci si rimane intrappolati.

    Shemale, è il tuo? Grazie, lo userò appena possibile (tu rassicurami sullo stato del tuo conto in banca, però).

  4. Effe ha detto:

    ah, i ricordi, sì, i ricordi…

    di cosa stavamo parlando?

  5. fuoridaidenti ha detto:

    meglio due citazioni o un avviso di garanzia? non lo ricordo, ho perso il filo

  6. riccionascosto ha detto:

    Herr, di fili, sembra. O di numeri, non ne sono certa.

    Fuori, d’istinto direi che two is meglio che uan… ma dove l’ho sentita, questa?

  7. silvia67 ha detto:

    che belli i ricordi, ci rendono più consapevoli di quello che siamo oggi.
    mi dispiace che tanti scompaiano ingoiati dalla nebbia del tempo…
    ciao ricciolina…
    ma di che parlavo? ahimé l’altzhaimer… 🙂

  8. riccionascosto ha detto:

    Vero, Silvia.
    Profondamente vero.
    E d’altronde da una cancerina come te (perché sei tu, no?) non potevo aspettarmi altro…

    che l’alzheimer. 😉

  9. anonimo ha detto:

    Ci sono ricordi che vorresti non ricordare e che invece tornano prepotenti a stuzzicarti e a ricordarti che devi scordarteli….

    sono io sorellona, ti ricordi di me, anche da sloggata???
    ah, il tuo pin bancomat è 8888*****

  10. riccionascosto ha detto:

    Certo che mi ricordo di te, sorellona (anche sloggata, non potrei non farlo)
    Quanto al bancomat, credevo più un 7777***… no?

  11. metallicafisica ha detto:

    no, il 7 è uno dei numeri che mi stanno antipatici… come il 5…. un pin-8 è più adatto:)****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...