Appunti di zavorra

(pensieri “seduti” sul sellino posteriore di una moto)
 
Dicono che “zavorra” (o, in alternativa, “zaino”) sia l’espressione usata dai motociclisti per indicare il passeggero di una moto. Molto spesso questo coincide con la gentile (?) compagna dello stesso, che ritengo non sia esattamente entusiasta del termine. Io, almeno, non lo sono particolarmente… ma in mancanza di meglio, per ora me lo tengo..
 
 
La posizione. Al contrario di quanto il termine potrebbe far pensare – e con le dovute eccezioni (pensate ad esempio alle ragazze legate ai conducenti, nella gara di “Tre metri sopra il cielo”) – la zavorra dovrebbe pesare il meno possibile sull’assetto della moto. Se fosse possibile chiuderla nel taschino per poi tirarla fuori all’arrivo, credo che buona parte dei motociclisti sarebbe più contenta, anche se non lo dice. Sbracciarsi a destra e a sinistra indicando con il dito eventuali particolari – a meno che non si tratti di un masso che sta per cadere e travolgere la moto – non è  molto gradito per almeno due motivi. Il primo è che lo spostamento del baricentro della moto crea uno scompenso nel motociclista; il secondo – e più importante – è che lo distrae dalla trance in cui cade a causa del rombo (pardon, il sound) della moto e dei movimenti ritmici (cambio, acceleratore, frizione, freno) connessi alla guida. Perciò, una “brava” zavorra finisce col rimanere a lungo ferma in una posizione molto vicina a quella di un nuotatore in attesa dello sparo iniziale: tronco proteso in avanti, gambe piegate e braccia tese all’indietro. L’unica differenza, in pratica, è il sellino su cui si sta seduti; comodo, direte voi. Provate però a mantenere la posizione per più di un’ora di seguito e mi direte.
Il motivo di tronco proteso e gambe piegate è di facile intuizione; le braccia all’indietro servono ad aggrapparsi al maniglione, solitamente posto sul retro del sellino (solo le più fortunate ne hanno due laterali).
Perché? Mica per paura di cadere dalla moto, no… è solo per evitare che, in caso di brusche frenate o di discese ripide, il “vostro” motociclista abbia la tentazione di chiamarvi, anziché “zavorra” …  “schiacciapalle”.
 
Lui e lei. Lui, evidentemente, è il motociclista. Lei, invece, è… la moto. Se il biker è donna, non vi illudiate che voi, povera zavorra mascolina, andiate al primo posto; sarete irrimediabilmente l’altro/a. Non è il caso di fare i gelosi,  probabilmente – a ruoli scambiati – anche voi fareste lo stesso; meglio fare buon viso a cattivo gioco, ne guadagneranno l’espressione e il fegato.
Magari, in qualità di possessore di uno scooter, vi sembrerà di potere comprendere il tipo di relazione, ma non è così. Ve lo dico con cognizione di causa (un “due ruote” ce l’ho anch’io, ma non è la stessa cosa).
Uno scooter è come un amico non troppo intelligente. Utile e servizievole, senza dubbio;  ma in fondo si sa che non gli si può chiedere che di fare le due/tre cose di cui è capace (accelerare, decelerare e frenare). In compenso è tollerante, e perdona le piccole disattenzioni e gli errori con una fedeltà e docilità quasi canine. Lo scooter, poi, è più che altro un animale da città, che compensa con maneggevolezza e facilità di guida una mancanza di fantasia.
La moto, no.
La moto obbedisce finché vi è costretta dalla meccanica, ma è ben attenta ad approfittare degli errori del biker: un’accelerazione eccessiva, una sfollata, una grattata nel cambio possono avere esiti spiacevoli, se non recuperati in fretta; disattenzioni ed errori si pagano, talvolta, fin troppo cari. Come un grande felino, la moto soffre negli spazi angusti e nel traffico di città, ma ritrova il suo passo veloce e armonioso appena ne ha la possibilità, lanciando ruggiti di piacere.
 
Relazioni pericolose. Se la zavorra, come appena detto, è relegata al ruolo dell’altra, non per questo la relazione con il biker conta di meno. Almeno finché si divide lo stesso sellino, questa deve anzi essere improntata a una assoluta e reciproca fiducia: in caso contrario, i guai stanno dietro la… ruota. Se reagite a una improvvisa accelerazione ficcando le unghie sui fianchi del biker, le conseguenze possibili sono: a) la moto, dopo un leggero sbandamento, rallenta fino a fermarsi, e venite gentilmente invitate a scendere per non salire più; b) la moto rallenta, e il biker reprime l’istinto di accelerare di nuovo (ma questo, solo nel caso vi ami alla follia); c) il biker indossa un giubbetto con le protezioni, non si accorge di nulla, ma voi vi spezzate le unghie. Ma se avete paura della velocità – e non vi fidate della capacità del biker di padroneggiarla – forse sarebbe meglio non salirci nemmeno, sulla moto: un movimento inconsulto in certi momenti può fare sbilanciare, e le conseguenze non sono certo piacevoli. Stessa cosa sulle curve: o vi fidate, e assecondate il movimento di moto e motociclista quando piegano, o sbilanciate la moto. Insomma, due corpi e una sola direzione sarebbe meglio.
I problemi sorgono quando la zavorra  è anche navigatore: quando la velocità consiglia di allineare la testa (e il casco) a quello di chi vi sta davanti, la visuale risulta abbastanza limitata, ma imparerete a memoria il numero di serie del suo casco. Come si può immaginare, si corre il rischio di non riuscire a leggere in tempo qualche cartello stradale, ai bivi. Prendetela però con allegria… qualche inversione di marcia non ha mai fatto male a nessuno, mentre discutere sulle reciproche sviste non giova certo all’umore.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula, coffe, cunti, facce conoscenti, sperciate. Contrassegna il permalink.

19 risposte a Appunti di zavorra

  1. Effe ha detto:

    invidio l’evidente cpacità di reggersi al maniglione e, contemporaneamente, prendere appunti sull’esperienza.
    Voglio dire, non male, per essere una zavorra.

  2. riccionascosto ha detto:

    Che vuole, Herr, si fa quel che si può (e il multitasking è un dono di natura)

  3. metallicafisica ha detto:

    La prossima volta dovrete venire ASSOLUTAMENTE in moto, voglio guardare “con mano”:)***

    Effe? Il Multitasking è un dono di natura… delle donne, così intendeva la Sorellona, immagino:)*

  4. Effe ha detto:

    vetero-femministe

  5. riccionascosto ha detto:

    Sorellona, riferirò i tuoi desideri al consorte, credo che sarà lieto di esaudirti (ah, e intendevo proprio quello 😉 ) :*

    Herr, dice? No, solo realiste.

  6. metallicafisica ha detto:

    Tolga il vetero, please…

  7. metallicafisica ha detto:

    PS: puoi dire al con-sorte se mi farà fare la zavorra per un 5/6 km?:)***

  8. anonimo ha detto:

    5/6 KM?…….ma, se reggi, volentieri anche di più….

    ps: con curve, please!

  9. riccionascosto ha detto:

    Sorellona, come vedi il con-sorte è d’accordo.

    Intanto ti faccio vedere il sellino su cui dovrai sederti (e il maniglione; le maniglie del con-sorte te le risparmio) 😉

    Uguale uguale…

  10. metallicafisica ha detto:

    Accetto!:)***

    il maniglione è metallico molto più delle maniglie, immagino…:)

  11. anonimo ha detto:

    …ma cosa vi hanno fatto le mie onorevoli maniglie?

  12. manginobrioches ha detto:

    mah, ho sempr pensato che le maniglie sono una sineddoche dell’uomo. o forse viceversa, non mi ricordo… (io comunque, in moto non ci vo, no no no)

  13. riccionascosto ha detto:

    Direi la prima che hai detto… ma anche no.

    (E perché in moto no, anzi, no no no?)

  14. riccionascosto ha detto:

    http://trisp[..] Se proponete al biker una romantica gita di tre giorni a Praga, Vienna o Dublino e lui vi risponde che preferisce un agriturismo in Umbria o Toscana, non prendetevela. Non è che lui non voglia andare in questi posti, o non ci voglia anda [..]

  15. anonimo ha detto:

    ti propongo un’alternativa al termine zavorrina, personalmente lo trovo bello e dolce ma io sto davanti, di solito :-P, puoi provare ad usare COPILOTA è il termine che avevo fatto scrivere sulla maglietta della mia zavorrina tempo fa, lei lo preferiva, e ne era fiera.

    cmq io rimarrei zavorrina….. 😉

  16. riccionascosto ha detto:

    Daunio, grazie, ma tu lo vedi il con-sorte – nonché biker – accettare “Copilota”? Già è tanto che accetta le indicazioni sui percorsi… 😉 (infatti, per ora mi tengo il zavorrina)

  17. anonimo ha detto:

    hai ragione…non era copilota….
    era co-pilota

    potresti sempre spacciare il suo significato non per co(o)pilota ma co(n)pilota….

    a me zavorrina piace di piu’, è come uno dei tanti vezzeggiativi che si usano tra le coppie, orsacchiotto, farfallina, puccettone e puccettina… ed altre amenità che alzano la glicemia solo a pronunciarle, a mente fredda. 😛 ….

    infatti io, zavorrina, chiamo solo la mia compagna, gli altri sono “passeggeri” la zavorrina si immagina che non lo sia , passeggera.
    ciao

  18. riccionascosto ha detto:

    E zavorrina sia, allora (anche se io non sono tanto -ina, in verità) 😉

    Anche il con-sorte, d’altronde, mi chiama così. 🙂

    Ciao

  19. Pingback: Appunti di zavorra (reprise) | Trìspito

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...