Smoke gets in you eyes

Ci sono cose, nella vita, che non ti lasciano mai.
Come le cattive abitudini, che pensi di avere superato ma stanno lì, pronte ad approfittare di una tua debolezza, di un momento in cui sei soprappensiero, o preoccupato, o triste.
Mangiarsi le unghie, ad esempio.
Ma questa non è neanche una delle più subdole.
Ho fumato l’ultima sigaretta il 2 ottobre del 2001.
Lo ricordo perché era il compleanno di mio fratello, e io stavo fuori, in giardino, a fumare.
Un colpo di tosse, due.
Ho pensato che fumare con la tosse era da idioti, e l’ho spenta.
Poi, dopo due settimane, la tosse è passata.
Ma io non ho ripreso a fumare.
 
La fai facile, direte voi.
Mica tanto.
Vivo con un fumatore, di quelli da un pacchetto, o anche più, al giorno.
Fuma le mie stesse sigarette di allora. Ai tempi, finite le sue, prendeva anche il mio pacchetto.
La tentazione è lì, a portata di mano.
E di naso.
 
Ma, curiosamente, non sono quelli i momenti in cui la tentazione mi afferra.
Capita in ufficio, dove il collega fuma a dispetto di qualsiasi regolamento (e approfittando della nostra accondiscendenza) e il fumo mi entra nelle narici, e con esso a volte non il fastidio, ma la voglia di fumare.
Capita nei momenti di tensione, in cui un tiro trattiene il fumo e una mala risposta, in cui ti sembra di sfogare su quel pezzo di carta e tabacco che brucia la rabbia, e mandarla in fumo, appunto.
Capita quando ho bisogno di concentrarmi maggiormente, e la sigaretta sembra allontanare le altre distrazioni.
Quando le cattive notizie ti assalgono all’improvviso, e hai bisogno di fare qualcosa, qualunque cosa, che sia normale e consueta, per aggrapparti ad essa.
 
Capita, e ogni volta mi dico che se riesco a resistere un altro giorno, un giorno solo, posso farlo.
Oggi no, domani.
 
Ma qualche volta, il fumo entra anche negli occhi.
E hai voglia di fare qualcos’altro, pensando a una sigaretta.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula. Contrassegna il permalink.

19 risposte a Smoke gets in you eyes

  1. metallicafisica ha detto:

    2001 anche io ma 6 gennaio (la befana ha smesso di fumare:)

    In 6 anni solo una intera (subito dopo mi son sentita male)… e un tiro (mezzo) di tanto in tanto ma non più di uno che fino ai 60 ho promesso ad Erminio che non ricomincero’…

    credo che in certi casi l’anosmia aiuti…:)

    La canzone storica***

  2. tippi ha detto:

    io ho smesso per quasi 7 mesi, e non mi mancava affatto. Poi ho iniziato a fumare sigari. Così mi sentivo meno in colpa perchè ne fumavo pochi. Poi al 10° sigaro della giornata hanno iniziato a rompermi i cabasisi che puzzava. Ho smesso i sigari e ora fumo sigarette aromatizzate allo zenzero. Ogni tanto mi gira un pò il cranio ma siccome sono una ragazza forte resisto e non mollo….

  3. Minervaa ha detto:

    lo faccio per tutti voi,
    tippi:
    e chi se ne frega
    buona giornata a tutti.

  4. riccionascosto ha detto:

    Sorellona, aiuta, aiuta… (pensa che in alcuni casi mi viene pure voglia di fumare la pipa, eppure l’ho fatto solo un paio di volte in vita mia)

    Tippi, non è che passi le mie giornate a desiderare sigarette, è che ogni tanto la voglia torna. Poi per lunghi periodi magari no. Però le sigarette allo zenzero no, ti prego… una volta un mio amico mi portò delle sigarette al miele. Davano così poca soddisfazione (tiravi, tiravi e usciva uno sbuffetto di fumo piccolo così)
    Ah, e poi non dar retta a Minnie, lo sai, è fatta così.

    Minnie, tesoro, buona giornata anche a te.

  5. metallicafisica ha detto:

    meglio il sigaro (anche se mi vien di respirare:)*

  6. bert67 ha detto:

    io fumo come una turca e ne risento.

    Devo decidere che altro vizio prendere.

    Buona giornata a tutti tranne a Minervaaaa

  7. bert67 ha detto:

    anch ‘io volevo passare alla pipa ma fa venire i denti neri…

    che non stonerebbero neanche coi punti neri…hihihi

  8. riccionascosto ha detto:

    MF, di sigari non saprei dirti (mai provati, in realtà)

    Bert, dici che i vizi vanno decisi? Forse, più che prenderli noi, ci facciamo prendere da loro (quanto ai denti neri non lo so, non è che le sigarette li sbianchino, comunque) 😉

  9. tippi ha detto:

    cosa vuoi farci riccio, quella là non fuma neanche….
    oddio..ho il sospetto che qualcosa le fumi ma non indago..

    lo zenzero era per dire..stordita

  10. bert67 ha detto:

    bhè riccio, la sigara ingiallisce e il giallo s’intona con la carnagione color senape stinta che ho ultimamente. Il dente nero fa contrasto e non sta bene.
    i miei vizi mi prendon e mi portan via..

  11. anonimo ha detto:

    Meraviglioso. Sublime. Ineguagliabile.
    Uno dei momenti più alti della letteratura mondiale dell’ultimo millennio.
    Mitopoiesi allo stato puro. Magistrale struttura fabulatoria. Esito anticatartico assolutamente spiazzante e sorprendente. Organizzazione semiologica della narrazione di rara e crptica fascinazione.
    Un capovaloro.

    L’elettrauto di Viale Mazzini

  12. riccionascosto ha detto:

    questo elettrauto, secondo me, ha le batterie troppo cariche e le sta scaricando un po’ ovunque…

  13. cybbolo ha detto:

    come onicofago selvaggio praticante ed ex fumatore incallito non posso che comprendere e sottoscrivere…;-)

  14. anonimo ha detto:

    Tessuto allegorico di straordinaria potenza e credibilità.
    Attimi di lirismo accecante sapientemente alternati a trasognate atmosfere di compassata e algida rarefazione.
    Neanche Andrè Breton sarebbe riuscito a fare tanto.
    Sei il più grosso fenomeno letterario degli ultimi quattrocento anni.

    Il fioraio di Torpignattara

  15. riccionascosto ha detto:

    Cyb, ci sono certi vizi che non scompaiono mai… 🙂

    Fioraio, sei amico dell’elettrauto? Eppure i vostri negozi sono un po’ lontani. Se poi mi spieghi chi è, Andrè Breton, magari mi fai anche un favore… (no, ma poi, guarda, il più grosso fenomeno letterario del XXI secolo – non azzardo per i precedenti – è Carrino, vuoi che te lo presenti? Ma chell’è tosto assai…)

  16. metallicafisica ha detto:

    OT: vedo che l’elettrauto di viale mazzini, sapendo della nostra parentela ha lasciato anche a te, identico, lo stesso commento che ha lasciato ieri da me…. operazione ip?;)***

  17. ritabonomo ha detto:

    Sto proprio messa bene io: impenitente onicofaga e accanita fumatrice.
    Grazie per avermelo ricordato.

    🙂

    Da notare che -quantomeno- non fai parte della categoria ex-fumatori che rompono le scatole. Ti fa onore.
    🙂

    Rr

  18. riccionascosto ha detto:

    Sorellona, no. Si è già stancato… 😉

    Rita, se mi desse fastidio non potrei vivere con mio marito. Lui fuma almeno un pacchetto al giorno… (e non lo dire, ma io ogni tanto approfitto di qualche unghia spezzata per pareggiarle. Ho scoperto però che l’unico modo per non mangiarle è tenerle lunghe. Così ti dispiace rovinarle)

  19. riccionascosto ha detto:

    E’ facile…[..] Smettere. Di fumare, ad esempio. C’è chi l’ha fatto, e più di una volta,. che ci vuole? Difficile è non ricominciare. Ma questo l’ho già detto, mi pare. (niente, oggi gira così) [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...