Punto… e a capo

Il punto a croce è sicuramente rilassante, ancor di più sei il disegno è complicato e devi prestare tutta la tua attenzione all’ago che entra ed esce dai buchi della tela Aida. Passi e ripassi in senso contrario… e talvolta salti, ma sai che su quei punti ci dovrai ritornare, prima o poi, anche solo per una passata di bianco, che così il disegno è più pulito.
 
E poi ci sono i disegni con i puntini da unire: meglio farlo con una matita,  che se i punti sono distanti e la linea è lunga, magari credi di andare da una parte e poi dall’altra… e invece arrivi dove non dovresti. Ma poi, è così importante che il disegno sia esattamente uguale a quello degli altri?
Un po’ di fantasia non guasta, una retta è la distanza più breve tra due punti ma la curva a volte è più panoramica, e può anche capitare di prendere la tangente. Fantasia al potere, a volte è meglio tirarli in aria i punti e farli cadere a casaccio… li unisci poi, e vedi che ne esce fuori. Magari il nuovo disegno è anche meglio…
Che poi, chi lo sa qual è il disegno della nostra vita? I punti arrivano così, come capitano, dovremmo essere distanti per poterlo osservare, il disegno, ma è difficile guardare da lontano la nostra vita. Quella degli altri sì, di quella distinguiamo anche le sfumature, e sapremmo dire se lì è meglio un rosa fuchsia o un più calmo ciclamino… ma la nostra?
Una volta contai 40 punti di zanzara sulle gambe, al mio risveglio. Mio marito  dormiva accanto a me, ma a lui neanche uno!  “Dev’essere il sangue dolce” mi dicevo.
È inutile, la dolcezza mi frega sempre, il tentativo di capire chi mi sta di fronte è più forte di me, mi porta a mettere dei punti sulle ferite, ricucire gli strappi.
Che me li metto a fare addosso questi aculei se poi mi dicono che sono "setole da accarezzare"?
Pungo solo per difendermi e a volte ci rinuncio, o dopo mi dispiace per le ferite inferte agli altri, mentre le mie me le lecco in silenzio, lasciando che guariscano a poco a poco.
 
Ecco, ho preso la tangente e non lo ritrovo più il punto in cui volevo arrivare, o forse sì, e non è uno… sono 40.
 
Come i punti di zanzara, come uno dei traguardi su cui suona “la campanella” (e quest’anno ce n’è un altro, ma non è il mio). Una volta, mentre cercavo una cartolina virtuale per un amico, ne trovai una in cui una macchina saliva per una collina. Arrivata a una pietra miliare con la scritta 40, compariva un’altra scritta. "Sei arrivato in cima alla collina".
Non l’ho mandata quella cartolina, ne ho scelta un’altra… perchè non ci credo che, dopo, sia tutta "discesa", e che si entra nella "mezz’età". Oddio, non è che voglia vivere all’infinito, ma "mezz’età" ha dentro di sé una rassegnazione che non è mia, nonostante la pigrizia.
Un punto fermo, forse, bisogna trovarlo. Un punto d’equilibrio, magari. Però il punto  d’equilibrio secondo me non esiste, o se c’è non è mai lo stesso, perchè non siamo gli stessi neanche noi… l’equilibrio può solo essere instabile o vorrebbe dire che non viviamo, che siamo fermi ed immutabili… morti.
E non lo siamo, io almeno mi sento abbastanza viva, malgrado la calura estiva porti a ridurre al massimo attività e movimento.
 
Un punto di svolta? Forse un nuovo cambiamento, dopo l’estate.
Dopotutto, la mia vita è cambiata a 23 anni quando sono andata a lavorare in una grande città, poi di nuovo a 30 quando ho lasciato la capitale e sono tornata a casa, e di nuovo quando mi sono sposata, o quando cinque anni fa sono tornata qui… ed ogni volta c’è da tagliare i vecchi fili ed annodarne dei nuovi, trovare altri ritmi, altre strade, far convergere quelle che tendono ad allontanarsi o piegarle un po’, ma senza finire a girare in tondo…
 
Ma non è questo, il momento di fare il punto.  
C’è solo il tempo per un appunto, prima di partire.
 
E al ritorno, punto e accapo.
 

O forse, lettera maiuscola.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Punto… e a capo

  1. fuoridaidenti ha detto:

    appuntati quei nomi che t’ho dato e buon viaggio (e fatti sentire se per l’appunto è il caso)

  2. silvia67 ha detto:

    Buone vacanze ricciolina! :-)))

  3. didolasplendida ha detto:

    anche un treno che deraglia o una nave che affonda è in equilibrio
    diceva il mio vecchio prof di economia
    cmq mai prendere decisioni in agosto meglio a settembre
    ciao riccio e buone vacanze 🙂

  4. riccionascosto ha detto:

    Fdd, già appuntati (e siti relativi trovati, insieme ai numeri di telefono). Se non partiamo per la tangente sarà per l’appunto il caso (di farci sentire, quando saremo in zona). 😉

    Silvia, le vacanze non partono oggi, ma sto facendo il conto alla rovescia. Tu le vacanze le hai finite tutte? Spero di no 🙂

    No, no,didolasaggia, niente decisioni ad agosto (e neanche a settembre, forse). Il guaio è solo quando le decisioni le prendono altri per te (ma uno spazio di manovra c’è sempre, si spera). Buona estate anche a te 🙂

  5. metallicafisica ha detto:

    Se sapessi ricamere, sorellona te ne regalerei uno uguale a questo, di puntaspilli…***

    il mese sabbatico porterà più di un cambiamento, spero positivo….

  6. riccionascosto ha detto:

    ArrivedOrci, Pet, più belle e più stupende che pria. 😉

    Sorellona, vuoi che lo ricami io per conto tuo, o che ti insegni? Il punto croce io lo trovo rilassante… forse dovrei riprendere ago e telaio. Quanto ai cambiamenti del “mese sabbatico”, li potremo conoscere solo dopo. E non so se a settembre ci saranno già. Qualcuno sì, certamente. Io comunque incrocio (anche le dita) 🙂

  7. giorgi ha detto:

    Ma ho capito bene o anche tu hai raggiunto la fatidica soglia dei primi anta? Se è così tanti auguri, tantissimi, riccetta…

  8. riccionascosto ha detto:

    Giorgi, grazie, ma io quella soglia l’ho passata già da qualche anno. No, la “campanella” non suona per me, quest’anno. E per la prossima, ancora c’è tempo 😉

  9. giorgi ha detto:

    Però, te li porti bene!

  10. IamCaterina ha detto:

    dal titolo del tuo blog intuisco le tue origini . .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...