Lampi, tuoni, fulmini e saette

Ci giravo attorno da un pezzo, su questo (be’, da un pezzo, da quando l’ho letto venerdì), perché è una cosa vera, stramaledettamente vera.

 
 

"Il tuono è bello, il tuono è impressionante", scriveva Mark Twain. "Ma è il lampo che fa tutto il lavoro". In questo momento, Cancro, il lampo sei tu, anche se ti sembra che siano gli altri a prendersi tutto il merito e le attenzioni. Forse ci vorrà un po’, ma alla fine si capirà che a determinare il successo del gruppo sono state le tue scariche di pura energia, non le rumorose sparate degli altri.

 

Se non fosse per una cosa: io non mi sento un lampo.

Nel senso che il lampo almeno si vede, scarica.

E si esaurisce nel momento in cui lo fa.

Io no.

Io le cose le faccio perché vanno fatte, le faccio anche se sarebbe più comodo non farle nella situazione di sfacelo che c’è, senza nessuno che ti venga chiedere se fai o non fai.

Le faccio perché il lavoro deve essere fatto con dignità. Le faccio per non sentirmi una ladra.

C’è un merito in questo? Non credo.

Non voglio medaglie, neanche di cartapesta.  

Faccio quello per cui sono pagata. Qualche volta faccio quello per cui è pagato qualcun altro, ma è un incidente di percorso.

 
 

The show must go on, dicono.
E io alzo il sipario, giorno dopo giorno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula, granci. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Lampi, tuoni, fulmini e saette

  1. anonimo ha detto:

    Avevo letto anche io il “nostro” Oroscopo, sorellona. Domani ti dirò il commento che avrei scritto ” a caldo”:)
    Ora ti posso dire che simili sì ma diversissime, io sono un fulmine, a volte… e ti dirò, che rubacchiare qui e là (NON in banca, eh?) tutto sommato non è così peccaminoso:)****

  2. riccionascosto ha detto:

    Fulmine?
    Nel senso della velocità o della scarica di energia?
    (Comunque anche io, se non posso farne a meno… detesto sprecarla, l’energia) 😉

  3. anonimo ha detto:

    se non rubi tu all’altro, l’altro ruberà a te
    credo siano questioni di inibizione alla creatività (a partire dalle mie) quelle che poi rivivamo come incapacità a comportarci male

  4. riccionascosto ha detto:

    Scusa, anonimo/a, fammi capire. L’onestà – o la bontà, o qualsiasi cosa tu intenda per “incapacità di fare del male” sarebbe mancanza di creatività? (in realtà tu parli di inibizione, che è un po’ diverso)
    Insomma, il “male” è creativo, chi non lo fa è solo uno che non sa osare?

  5. mrka ha detto:

    quanti cancerini!

  6. riccionascosto ha detto:

    Eh, sì, siamo in parecchi. Anche tu?

  7. mrka ha detto:

    per certi versi cado nel tranello del cancro lunatico. grrr. 🙂

  8. riccionascosto ha detto:

    Be’, tranello.
    Sicuramente, a volte, un ottovolante 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...