Pane, amore e…

“Parla come mangi”.

E’ una cosa che si dice a chi ci sembra usare un linguaggio affettato, che non è il suo. Ma parlare, come mangiare, è qualcosa che si fa  in  tutto il mondo, in modo uguale eppure diverso.

Uguale, perché il cibo è una delle poche cose a cui nessun animale – neanche l’uomo – può rinunciare, se vuole continuare a vivere. Diverso, perché, come le lingue, anche i gusti e le abitudini alimentari cambiano da un posto all’altro.

Come i nomi del pane e le sue forme, che ripercorrono i giorni di una vita.

Come un pezzo di formaggio, sognato per vent’anni quale miraggio di una vita migliore, distante continenti interi. O come un pacco mandato da lontano, che ti fa sentire a casa, ti fa pensare che va tutto meglio.

Un ricordo, un miraggio, un sogno, l’odore di casa.

Perché c’è cibo per il corpo e cibo per l’anima, e non sempre si può distinguere l’uno dall’altro. A volte è il cibo a dare ispirazione, altre è l’ispirazione a diventare cibo.

Ma tra anima e corpo, e nel modo di nutrirli, possono esserci oscuri legami.
Quante volte abbiamo pensato che il cioccolato sia un sollievo per l’anima. E se lo fosse per davvero?

E se in un krapfen trovassimo la differenza tra vita e morte?

IL CIBO è il filo rosso che unisce i racconti del Materiale in questo quarto numero di Buràn. Ma il cibo è vita, è lavoro, è sogni, e sconfina nell’Immaginario, attraversa le parole ma anche le immagini. Segna le parti di una messa un po’ atipica, si scalda su una stufa a carbone, assume la forma di un omino di zenzero e giunge, in succulente bistecche, fino ai campi di petrolio dell’Alaska.
 
Cibo per l’anima, l’amore. Uno, oscuro, che viene dal mare. Uno che vive nei ricordi di un padre scomparso; uno che, forse, arriverà se gli apriranno le porte che qualcuno ha serrato prima di partire per l’ultimo viaggio , quello che qualcun altro ha intrapreso  già.

… e fantasia, diceva il titolo di un film. Ciò che occorre per una bella fiaba, ciò che ci spinge verso il nuovo, anche se ci costerà caro.

 

Ciò che potrete trovare, ancora, in questo Buràn.

 Buràn n. 4 - IL CIBO

Non avete forse già l’acquolina in bocca?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in buràn. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Pane, amore e…

  1. Flounder ha detto:

    se non fosse che per contratto io devo fare la scema, avrei voluto scrivere proprio un post così.

    che bel buràn abbiamo fatto pure stavolta 🙂

  2. riccionascosto ha detto:

    Bello e appetitoso, Flo’ (e pure liquido 😉 ).
    Io mi godo ogni volta il privilegio di gustare le vostre scelte in anteprima 🙂

  3. ludmillaParker ha detto:

    Un elegia del cibo perfetta. Non è solo nutrimento, è arte, gusto, sapore, odore.
    Non è un senso. Sono piccoli sensi a cascata che scaturiscono dal “gusto”.

  4. riccionascosto ha detto:

    E dal buongusto degli scouter e della redazione, aggiungerei, ludmilla.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...