25 aprile

Appena tre settimane fa, c’era chi, in caso di una vittoria del suo schieramento, prometteva una "riscrittura" dei libri di storia, perché "ancora oggi condizionati dalla retorica della resistenza".

Lo stesso poi proseguiva accusando la Sinistra di avere "in mano le università e le case editrici."
Questo non ha condizionato molto le decisioni degli italiani, a giudicare dalle ultime votazioni; dal che si deduce che: o l’accusa è infondata, o la cultura "di sinistra" non ha molta diffusione. Ma non di questo.

La Resistenza (e la maiuscola, non utilizzata nell’articolo linkato sopra, mi sembra invece d’obbligo)  è un vissuto che appartiene forse più al Nord (gli ultimi anni, almeno, dopo l’8 settembre), ma è sicuramente un patrimonio di tutti, per i valori che trasmette. Ed è un movimento fatto da uomini che, aldilà del colore politico, avevano in comune, certamente, la voglia di libertà.

E’ retorica, questa? No, credo che siano valori di cui tutti – chi ha vissuto certe esperienze sulla propria pelle e chi, invece, per sua fortuna, no – dovremmo fare tesoro.

Non ho racconti "miei" sul 25 aprile ’45 o sul periodo immediatamente precedente. Penso però che quei ricordi – che NON POSSONO e NON DEVONO essere cancellati o "riscritti" – debbano avere la massima diffusione, far parte di tutti noi.

Penso a  Le voci del mentre ( 1, 2, 3) di colfavoredellenebbie, ma non solo.

Ci sono le radici resistenti delle Mondine 2.0,  che in questo post raccolgono i link ai blog aderenti.

Ci poi sono dei vecchi racconti, su Herzog, che andrebbero riletti.  Non si riferiscono proprio al 25 aprile, ma sono storie di Resistenza:

La colpa (che pure, a suo modo, è una "riscrittura")

La croce e il segno

Caterina ascolta le voci

E li segno qui perché diventino un po’ anche miei, anche nostri. Perché se ognuno di noi, queste storie, le conserva nel proprio cuore, saranno più difficili da cancellare o riscrivere.

Buon 25 aprile.

Aggiornamento: Petarda, nei commenti, segnala due post di Mario Bianco sul tema – qui e qui – che vale la pena di leggere

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in pizzini. Contrassegna il permalink.

6 risposte a 25 aprile

  1. (grazie per questa condivisione)

  2. giuba47 ha detto:

    Sono d’accordo, bisogna ricordare e trasmettere, ma soprattutto bisogna rivivere i valori… Giulia

  3. riccionascosto ha detto:

    Grazie a te, colfavoredellenebbie per avere diviso con noi i tuoi ricordi di famiglia e cari.

    Giuba, i valori, sì. Che sono molto più che “retorica”…

  4. anonimo ha detto:

    I racconti di Herzog…che malinconia Riccio!
    Buon primo maggio

    Lips Vago (non riesco a loggarmi causa proxy server)

  5. Petarda ha detto:

    visto che stai a fà a raccolta, ci sono anche due bei post da mario bianco (societé). ciau 🙂

  6. riccionascosto ha detto:

    Già, un po’ di nostalgia c’è, Lipsvago. Ma sono sicura che l’Herr continua a scrivere, in qualche modo.
    Buon Primo Maggio a te. 🙂

    Pet, in qualche modo dovrebbero essere già linkati (almeno quello del 24) tra i post segnalati da Mondine 2.0. Comunque grazie, li aggiungo anche qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...