Curuzzu nicu

La mia amica Petarda dice che sentirmi parlare di Palermo è Qualcosa.
Proprio così, con la Q maiuscola.
Se sia vero non lo so; quello che so è che della mia città – che considero sempre “mia” anche se ormai sono sei anni che l’ho abbandonata per la seconda volta – credo di sapere troppo poco, anche se alcune vicende e un corso di accompagnatrice turistica (fatto ormai più di vent’anni fa) me ne hanno fatto scoprire alcuni angoli nascosti.
Ma Palermo è così, splendida e trasandata, con la bellezza buttata a piene mani e poi distrutta in modo altrettanto incurante.
Palermo è una cipolla, scriveva Alajmo, e io non sono ancora arrivata, credo, agli strati più interni, quelli dolci e che non fanno più lacrimare.
Ci pensavo qualche giorno fa, durante il viaggio di ritorno in auto.
Un fastidio all’occhio destro mi ha praticamente obbligato a stare con gli occhi chiusi, per evitare luce e la sensazione di un granello di sabbia inesistente.
Potevo così lasciare libero il pensiero, mentre le orecchie ascoltavano i detti e i ricordi scambiati tra i “vecchi” di famiglia che viaggiavano con noi.
A un certo punto si parlava de “i tri gghiorna ‘ru Fistinu” cioè i festeggiamenti per Santa Rosalia,  la patrona di Palermo (la cui festa, in realtà, sarebbe il 4 settembre; il 15 luglio si ricorda invece la guarigione della città dalla peste del 1624, dopo che le reliquie della Santuzza furono portate in processione per la città). Che quest’anno, poi, di giorni ne durano sei (dal 10 al 15, con il clou il 14 sera, quando la Cala è illuminata dai iochi ‘ focu).
In realtà ‘u fistinu è stato il punto di partenza per un volo in cui la mia mente rifletteva sul fatto che noi siciliani le cose grandi le minimizziamo.
La grande festa è ‘u fistinu, la santa più importante – per un palermitano, almeno – ‘a Santuzza, lo stesso Dio è ‘u signuruzzu.
Ma pure gli insulti o i complimenti, a volte, si contraggono; forse per perdere durezza, forse per sminuire ancora di più il nemico, l’avversario, o per rendere, con i vezzeggiativi, l’amico più vicino al nostro cuore.
Di un “uomo di statura bassa ma di sagace ingegno” si dice che è curtuliddu e malu cavatu, di una donna si dice che è biddicchia (bellina) non per sminuirla, ma per dire che è anche simpatica.
Di un avaro, poi, si dice che havi ‘u cori nicu (ha il cuore piccolo). E se curuzzu è il cuoricino (un cuore ancora più piccolo)…
 
Non so dove mi hanno portato questi pensieri, forse solo qui.
A dirmi che di Palermo so solo qualcosa. Anzi, qualcosina…
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ammatula, ficurinnia. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Curuzzu nicu

  1. e.l.e.n.a. ha detto:

    mi fai venire in mente le ammazzatine di camilleri e la classica fuitina…

    (è finita la “nostra” settimana della bellezza, e brezny ti ha, non solo metaforicamente, impedito di vederne ancora. che il troppo stroppia, si sa! 🙂

  2. Zeta1977 ha detto:

    che bel post!!!
    Sentirti parlare di palermo mi ci ha ritrasportata in un battibaleno, anche se io palermo, l’ho vista una volta sola e probabilmente dal cuore della “cipolla” ci sto molto piu’ lontana di te . Ma di bellezza buttata a piene mani ce ne ho vista davvero tanta 🙂
    Baci beddicchia :-*

  3. metallicafisica ha detto:

    Petarda ha ragione! Il tuo parlar di Palermo è veramente Qualcosa, si percepisce lo sfogliare i veli di cipolla…
    ps: ma lo sai che uno dei miei altri nomi è Rosaria? E’ una variante di Rosalìa, che tu sappia?***

  4. riccionascosto ha detto:

    le ammazzatine, la fuitina… alla fine, sono tutti mischineddi ;). Ma di esempi ne potrei citare altri, e.l.e.n.a..
    Magari lo farò (sarebbe una minaccia, per intenderci).

    Ciao, Zeta! (e grazie per il biddicchia). Poi ci sarebbe da aprire anche un altro argomento, quello dei “dispregiativi” usati in modo affettuoso (tipo biddazza/o per indicare donna/uomo bello e simpatico, e di ampia corporatura). Ma vi risparmio anche questa. 🙂

    Che io sappia “Rosaria” fa riferimento alla Madonna del Rosario (e infatti l’onomastico dovrebbe essere in corrispondenza di quelle date lì). Ma se ci sia pure una santa non saprei, sorellona. Vuoi che indaghi?
    (e grazie per il Qualcosa… io credo però che voi esageriate per affetto :P)

  5. anonimo ha detto:

    macché affetto… si sa che le sorelle litigano sempre… Qualcosa è Qualcosa… e taci ché altrimenti ti picchio:)***

    Rosaria e Adelaide… ma ti rendi conto???://///

  6. varasca ha detto:

    … o Qualcosuzza 🙂
    bella analisi, spero che la integrerai con le altre curiosità che hai notato!
    buon rientro 😉

  7. riccionascosto ha detto:

    Mi rendo conto sì, sorellona.
    Pensa che a me, per “eredità” sarebbe toccato Concettina. Ma mia nonna disse a mio padre che non gli avrebbe più rivolto la parola, se mi avesse chiamato come lei.
    Santa donna! (e pure cancerina)

    E chi lo sa, Varasca. Ieri pensavo a un libriccino che parla appunto di curiosità relative soprattutto ai palermitani (si intitola “Trenta e due, ventotto” che è un nostro modo di dire, non matematica. E nemmeno uno scherzo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...