"Non dimenticate Paolo"

E’ il messaggio che ha lanciato la vedova Borsellino, oggi, alla manifestazione in ricordo di Paolo Borsellino e degli agenti della sua scorta – Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina -uccisi da una bomba il 19 luglio 1992.
E continua: "Provo così tanto amore e stima per mio marito, che ha vissuto per la giustizia, che oggi continuo a sentirmi smarrita, chiunque ci sia al governo. Per me la giustizia è mio marito".

E la città non dimentica, nonostante tutto. O almeno, aldilà delle manifestazioni cui le autorità sono "obbligate" a partecipare, non sono mancate quelle la cui partecipazione è più sentita, come la veglia organizzata, anche quest’anno dall’AGESCI (e se parlo di cose sentite è perché so chi le ha organizzate).

Ma cosa è successo, in questi 16 anni?

Forse poco, sicuramente meno di quanto poteva essere.

Antonio Pagliaro  ci ricorda, ancora, della famosa "agenda rossa", l’agenda di Paolo Borsellino di cui il fratello Salvatore chiedeva ancora notizia – un anno fa – in una lettera aperta di cui pochi giornali parlarono ma che si diffuse attraverso i blog come un virus (alcuni link nel post del trispito, un anno fa).
Lì Borsellino teneva nota dei suoi appuntamenti, degli incontri fatti negli ultimi giorni.
Il contenuto di questa agenda è ancora sconosciuto, almeno all’opinione pubblica; la stessa agenda sembra scomparsa.
Ma la lettera aperta di Borsellino conteneva altre domande, rimaste senza risposta.

Speriamo non debbano servire altri 16 anni per trovarne qualcuna.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ficurinnia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...