Archivi categoria: Paroli i’ l’avutri

Le parole che ci siam detti

Potrei iniziare questo post come Donna Flo’, con le parole (“E non si muore così, non all’improvviso”) che Zu ha riportato sul suo Cut’n’Paste. Potrei dire, come l’amico che mi ha comunicato la notizia per mail, che mi mancano le parole, … Continua a leggere

Pubblicato in facce conoscenti, Paroli i' l'avutri, trispito | Contrassegnato | 2 commenti

Pane, amore e…

“Parla come mangi”. E’ una cosa che si dice a chi ci sembra usare un linguaggio affettato, che non è il suo. Ma parlare, come mangiare, è qualcosa che si fa  in  tutto il mondo, in modo uguale eppure diverso. … Continua a leggere

Pubblicato in buràn, Paroli i' l'avutri | Contrassegnato , | 4 commenti

Letto così…

anzi, scritto così, è una leggenda che rivive. Così, per sport. (Grazie, Piti) E per chi, come me (eh, sì, lo confesso) non lo ricordava:

Pubblicato in Paroli i' l'avutri, pizzini | 4 commenti

Mani nel vento

Da principio furono quelle, spaccate dal gelo, di un lavapiatti in Antartide; poi scivolarono, immobili, sui fianchi di una farmer cui avevano sottratto la terra con un cavillo. Invecchiarono, nodose e sagge, sul volante di un tassì moscovita e furono … Continua a leggere

Pubblicato in buràn, Paroli i' l'avutri, pizzini, trispito | Contrassegnato , | 7 commenti